Strategie

Analisi dei talenti del PSG stagione 2021/2022

4 Mins read

Con gli acquisti di Achraf Hakimi e Gianluigi Donnarumma rispettivamente dai team più in vista della Serie A quali l’Inter e il Milan, oltre a Sergio Ramos dai giganti della LaLiga del Real Madrid, Georginio Wijnaldum dal Liverpool e l’acquisto definitivo di Danilo Pereira dal Porto, il Paris Saint-Germain “pensava già di aver vinto il mercato 2021”. Dopo aver poi aggiunto al carrello della spesa anche Lionel Messi fuori contratto, neo Pallone d’Oro 2021, l’idea non ha fatto altro che rafforzarsi in casa PSG. Mauricio Pochettino, arrivato a Le Parc des Princes a gennaio dopo che il club francese si è separato da Thomas Tuchel, vincitore della UEFA Champions League 2020/21 col Chelsea, vanta una rosa costellata di stelle con cui giocare.

Non c’è dubbio che Pochettino abbia una rosa sufficientemente talentuosa a sua disposizione per competere con i migliori del mondo. Ora, la domanda è: in che modo il tattico argentino utilizzerà il suo set di strumenti di lusso per sbloccare il percorso del PSG verso la gloria europea? Ci sono molte opzioni interessanti a disposizione del manager, vediamole assieme.

La linea di difesa

Per tutta la sua permanenza al PSG, e la sua carriera in generale, Pochettino ha sempre preferito un sistema con due difensori centrali – principalmente il 4-2-3-1 – rispetto a un sistema con tre difensori centrali. Il nuovo acquisto Hakimi è entrato nell’XI titolare senza se e senza ma, il quale rappresenta un miglioramento per il PSG in molte delle problematiche mostrate nella stagione precedente da Florenzi. Hakimi prospera nello spazio sulla fascia destra del PSG. Con giocatori più avanzati su questo lato del campo come Messi e Di María che attirano all’interno il terzino sinistro dell’opposizione, Hakimi è davvero bravo a sfruttare gli ampi spazi aperti. È a suo agio nel fornire la larghezza nell’ultimo terzo di campo ed è altrettanto capace di sfondare dietro l’ultima linea degli avversari nelle fasi conclusive.

Con Marquinhos che occuperà la posizione di difensore centrale destro, ci aspettiamo che si formi una nuova partnership con Kimpembe o Ramos. Kimpembe è un mancino naturale che aiuta a compiere passaggi in avanti anche se pressato all’interno dal centravanti avversario.

Nel complesso, se Ramos dovesse trovarsi in buono stato di forma anch’esso rappresenterebbe un notevole miglioramento in molte aree chiave rispetto al compagno Kimpembe, sia in fase difensiva che offensiva, e probabilmente inizierà al fianco di Marquinhos nella linea di fondo del PSG, formando potenzialmente un pericoloso duo con il nuovo acquisto Hakimi come terzino destro e il collega spagnolo Juan Bernat come terzino sinistro.

A centrocampo

Paredes e Verratti sono i centrocampisti più quotati del PSG, con Gueye e Herrera, rispettivamente, che arrivano subito dopo. Paredes ha giocato 12,24 passaggi filtranti ogni 90 minuti in Ligue 1 la scorsa stagione, con l’87,17% di successo, mentre Verratti ha giocato 11,79 passaggi con l’89,86% di successo. Potremmo sostenere che il campione di EURO 2020 con l’Italia, data la sua capacità di influenzare il gioco quando gioca più in alto, ma riteniamo che anche Paredes sia un’ottima opzione per questo ruolo oltre che ottimo partner per Verratti. Giocare con questa coppia di centrocampisti aiuterà il PSG a portare la palla nei piedi dei suoi letali attaccanti il ​​più rapidamente possibile ed in aree davvero pericolose, il che aiuta a massimizzare la minaccia di una lussuosa linea d’attacco.

Verratti è stato talvolta schierato anche come “numero 10” da Pochettino la scorsa stagione, e l’italiano ha interpretato questo ruolo in modo veramente efficace. Verratti è semplicemente un giocatore molto intelligente che scansiona costantemente la squadra avversaria e compie movimenti nello spazio a ricevere passaggi filtranti. In fase di preparazione, Verratti può sedersi in una posizione centrale di centrocampo. Paredes quando dovrà scegliere a chi passare la palla avrà appunto Verratti come ottima opzione.

I quattro elementi d’attacco

I quattro davanti del PSG essenzialmente si scelgono da soli. Di María, Messi, Neymar e Mbappé possono offrire al PSG una qualità totale in attacco e si adattano sicuramente alla “visione romantica” del calcio che ha Pochettino.  Di María può fungere da regista in una posizione sulla destra con Verratti a sinistra, anche se godrà di meno opportunità di tiro rispetto a se fosse un esterno destro più avanzato che si inserisce in area per tirare di sinistro. Si classifica al 17° percentile per i tiri in porta complessivamente realizzati.

Un’altra qualità importante che Di María apporta a questa squadra è il ritmo di lavoro difensivo, e l’argentino, insieme a Neymar (che al momento non offre granchè in termini di potenza difensiva ma fa molto di più di Messi o Mbappé in termini di pressing e rientro nella struttura organizzata), dovrà lavorare per la propria squadra nel pressing e soprattutto quando si difende in profondità, altrimenti molta pressione aumenterà sulla linea di fondo del PSG.  La combinazione di minaccia offensiva e ritmo di lavoro difensivo di Di María lo rendono un ingranaggio importante in questa squadra.

Per quanto riguarda Neymar, il brasiliano entra negli spazi da sinistra con Mbappé alla sua destra. Questo è esattamente il luogo in cui trascorre la maggior parte del suo tempo anche in questa stagione. Ad ogni modo, a Neymar piace andare molto in profondità durante la fase di progressione della palla. A Mbappé piace semplicemente ricevere la palla verso sinistra in modo tale da poter andare avanti, battere l’uomo e calciare di potenza. Ha senso che il PSG soddisfi la sua preferenza per la fascia sinistra in quanto è un attaccante d’élite che sta ottenendo numeri estremamente impressionanti in termini di risultati. Inoltre, questo probabilmente si adatta bene anche e proprio al sistema del PSG, con un Messi che occupa una posizione di attaccante destro leggermente più arretrata.

Se Mbappé dovesse prendere il pallone, ciò potrebbe attirare un difensore ed aprire uno spazio anche per Messi con una corsa in rimonta, a cui i registi avversari devono fare attenzione in quanto creare un 1v1 con Messi ed il portiere si tradurrà il più delle volte in un gol del PSG. Messi è un genio nello sfruttare lo spazio, ed è anche eccellente nel piegare le difese avversarie col suo proverbiale passante, e questo potrebbe essere davvero un buon modo per innescare a sua volta il compagno transalpino in odore di Real Madrid.

Related posts
Strategie

Calciatori svincolati dell'estate 2022

4 Mins read
Quest’estate c’è un numero insolitamente ampio di giocatori di talento che sono senza contratto e dunque svincolati e disponibili sul mercato trasferimenti. Più giocatori che mai hanno preso la decisione (tra l’altro sempre più popolare)…
Strategie

Barcellona: chi resterà e chi andrà via nella stagione 2022-23?

5 Mins read
I blaugrana sperano di mettere insieme una squadra davvero forte per la prossima stagione, ma devono fare anche letteralmente i conti con l’enorme debito del club. La delicata situazione finanziaria del Barcellona giocherà un ruolo…
Strategie

Primi trasferimenti di mercato dell'estate 2022

4 Mins read
Per la maggior parte dei campionati europei la finestra dei trasferimenti di mercato non si apre fino al primo di luglio, eppure i maggiori club d’Europa hanno già stanziato centinaia di milioni di euro per…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.